Erbe e spezie del benessere: i semi di zucca

Erbe e spezie del benessere: i semi di zucca
4 Marzo 2020 Daniela Moscato
Benessere - semi di zucca

Nonostante siano considerati i “parenti poveri” nella famiglia dei semi oleosi, i semi di zucca sono in realtà un alimento molto nutriente, con principi attivi davvero unici per il nostro organismo: minerali, amminoacidi, acidi grassi insaturi, vitamine.

Scopriamo insieme quali effetti positivi possono avere per la nostra salute.

I semi di zucca sono ricchi di sostanze che aiutano ad abbassare il livello di colesterolo cattivo nel sangue, migliorando la salute del cuore e di tutto il sistema cardiocircolatorio.

Aiutano a riposare bene la notte e migliorare l’umore, per questo si usano per esempio nei casi di depressione.

I semi di zucca sono poi da sempre usati come rimedio naturale contro i vermi: l’efficace azione vermifuga di questi semi porta al distaccamento dei parassiti dalle pareti intestinali agevolandone l’espulsione.

L’assunzione costante dei semi di zucca ha inoltre un’azione benefica sul tono muscolare della vescica: aiuta a prevenire i disturbi legati all’ingrossamento della prostata ed è utile in generale a combattere i disturbi che interessano l’apparato urinario, anche femminile, come infiammazioni e cistite.

Le grandi proprietà alcalinizzanti della zucca contrastano l’acidità di stomaco che spesso si crea durante la digestione di cibi come la carne, gli zuccheri e le farine raffinate. Inoltre i semi contengono molte vitamine del gruppo B che permettono la corretta assimilazione dei carboidrati e delle proteine e la loro trasformazione in energia.

Hanno anche proprietà antinfiammatorie: la loro assunzione può quindi contribuire ad attenuare gli stati infiammatori del nostro organismo. In alcuni casi possono aiutare a combattere irritazioni e gonfiori senza gli effetti collaterali tipici dei medicinali.

La presenza di zinco e acidi grassi aiuta a prevenire e curare la caduta dei capelli, rendendoli più forti e sani.

I semi di zucca, insieme a legumi come le lenticchie, i fagioli ed i ceci, possono essere considerati come una fonte vegetale di ferro. Assumerli come spuntino può contribuire a contrastare i cali di energia lungo il corso della giornata.

Infine i semi di zucca contribuiscono ad alcalinizzare il pH dell’organismo. L’eccessiva acidità provocata dall’assunzione di alcuni alimenti (come carne, zuccheri e dolciumi, farina 00 e derivati) è stata correlata all’insorgere di stati dolorosi ed infiammatori.

Tante le ragioni per aggiungerli nell’insalata o nella zuppa, non vi sembra?

Le nostre certificazioni