Erbe e spezie del benessere: i prodigiosi semi di lino

Erbe e spezie del benessere: i prodigiosi semi di lino
18 ottobre 2018 Antonia Cosentino

I semi di lino sono molto utilizzati nella cosmesi soprattutto per la cura dei capelli, ma sono in realtà utilissimi anche contro cistite e stipsi. Scopriamone insieme tutte le proprietà e perché dovremmo inserirli regolarmente nella nostra alimentazione, per sfruttarne a pieno tutti i benefici.

La percentuale di minerali contenuti nei semi di lino (fosforo, rame, magnesio e manganese), infatti, ma anche di proteine e lipidi, ne fanno delle piccole preziose perle di salute.

Sono utilissimi per contrastare infiammazioni interne o esterne, a livello epidermico.

Il lino ha proprietà diuretiche, stimolando la funzione renale, e contrasta quindi la cistite e le infezioni del tratto urinario. Previene la formazione di calcoli renali e riduce le infiammazioni di reni e vescica.

L’alto contenuto di mucillagini fa dei semi di lino anche un ottimo rimedio contro la stipsi, per prevenirla oltre che curarla. Non hanno proprietà propriamente lassative, ma sono degli emollienti che favoriscono la motilità intestinale. Inoltre svolgono un’azione rinfrescante della flora batterica. È utile sapere che possono essere utilizzati a questo scopo anche per lunghi periodi senza che si generino effetti indesiderati o dipendenze funzionali.

I semi di lino contengono anche acidi grassi Omega 3 e Omega 6 e per questo aiutano il benessere complessivo dell’organismo e favoriscono un buon funzionamento del sistema immunitario. Ancora gli acidi grassi Omega 3 e Omega 6 sono indicati per mantenere bassi i livelli di grassi nel corpo e quindi tenere a bada il colesterolo.

Sono degli alleati anche per mantenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue e stabilizzare i livelli di glicemia.

La presenza di acidi grassi, fibre e vitamine li rende un alimento adatto soprattutto per le diete vegetariane e vegane, in cui non si possono trarre questi importanti elementi da altri cibi che li contengono, come ad esempio il pesce.

La lecitina in essi presente assicura il buon funzionamento del cervello e del sistema nervoso.

Sono ricchi anche di vitamine del gruppo B, vitamina C, E, K e vitamina F, che aiuta la formazione delle membrane cellulari e combatte l’invecchiamento.

Non da ultimo i semi di lino aiutano a bruciare i grassi convertendoli in energia. Aumentano il senso di sazietà diventando così un alimento ideale da inserire in una dieta ipocalorica, un sostegno non da poco per chi vuole dimagrire. 

Consumare in maniera costante i semi di lino aiuta, infine, a prevenire il cancro al colon, al seno e alla prostata. Questi preziosi semi contengono, infatti, lignani che bloccano lo sviluppo delle cellule tumorali.

Insomma, le ragioni per inserirli nella nostra alimentazione quotidiana non mancano proprio.
Che aspettate?

Le nostre certificazioni